VALUTAZIONE PSICODIAGNOSTICA

Dott.ssa Eleonora De Gaetani

VALUTAZIONE PSICODIAGNOSTICA

La valutazione psicodiagnostica è necessaria per comprendere adeguatamente il funzionamento psicologico di una persona. L’analisi di personalità richiede infatti la valutazione degli aspetti cognitivi, affettivi, relazionali ed evolutivi.

E’ composta da un primo colloquio clinico, seguono due o più sessioni dove vengono somministrati interviste strutturate, questionari e test psicologici specifici. L’accertamento si conclude con un ulteriore colloquio  in cui si espongono i risultati dell’accertamento con un linguaggio non tecnico e si formula un’ipotesi di trattamento .

In età evolutiva (14 – 17 anni)

La valutazione psicodiagnostica  è composta da un colloquio di approccio non eccessivamente formalizzato. Seguono varie sessioni, dove vengono somministrati interviste strutturate, questionari e test psicologici sia al minore sia ai genitori. L’accertamento si conclude con un secondo colloquio in cui si espongono i risultati . Particolare attenzione è riservata alla comprensione delle caratteristiche e del significato funzionale della sintomatologia presentata dal minore e al suo inquadramento all’interno del contesto famigliare, scolastico e di vita.

In ambito clinico

La valutazione psicodiagnostica serve ad orientare il lavoro clinico ed indicare al paziente la migliore strategia di intervento. In ambito forense la valutazione psicodiagnostica e il profiling di personalità  servono a comprendere la personalità del paziente al fine di attribuirgli responsabilità, capacità, attitudini, predisposizioni  e un’eventuale pericolosità sociale (quest’ultima naturalmente si riferisce a peculiari richieste da parte del tribunale )

Richiedi informazioni:

    Dal Blog